Curriculum scientifico

1. Presentazione e Titoli

Nasce il 5 febbraio 1977 a Milano.

Frequenta i corsi scolastici a Milano fino alla maturità scientifica, che consegue presso l'Istituto Leone XIII con votazione 60/60.

Il 16 ottobre 2003 si laurea a pieni voti in Ingegneria informatica presso il Politecnico di Milano presentando la tesi dal titolo Identificazione automatica di strutture musicali: modelli e prototipi software (relatori C. Ghezzi e G. Haus).

Nel novembre 2003 ottiene l'abilitazione professionale superando l'Esame di Stato per Ingegneri elettronici.

Sempre nel novembre 2003 risulta vincitore del concorso di Dottorato in Informatica (XIX ciclo) presso l'Università degli Studi di Milano, ove si dedica all'attività di ricerca sotto la guida del Prof. G. Haus nel Laboratorio di Informatica Musicale. Consegue il titolo di Dottore di Ricerca nel 2006.

Dal 1987 svolge parallelamente attività di studio in ambito musicale, che lo porta a superare esami di Composizione, Teoria e Solfeggio, Storia della Musica, Pianoforte complementare, Letteratura poetica e drammatica presso i Conservatori di Milano e Bologna.

Dall'1 Aprile 2006 è ricercatore afferente al Dipartimento di Informatica e Comunicazione (ora Dipartimento di Informatica) dell'Università degli Studi di Milano. 

Dall'Anno Accademico 2006/07 è Professore aggregato dell'Università degli Studi di Milano, affiliato al Dipartimento di Informatica.

Dal 9 Maggio 2007 è membro del comitato direttivo del Centro Interdipartimentale di Ricerca per i Beni Culturali dell'Università degli Studi di Milano. Dall'A.A. 2007/08 è membro della Commissione trasferimenti del collegio didattico del Dipartimento di Informatica, e dal 2017 è membro della Commissione comunicazione del dipartimento stesso. Nel 2014 entra a far parte dapprima della Commissione paritetica del Dipartimento di Informatica, in rappresentanza del Corso di Laurea in Informatica musicale, per poi diventare coordinatore del corso stesso.

E' reviewer di riviste scientifiche internazionali - tra cui ACM Journal on Computing and Cultural Heritage, Computer Standards & Interfaces, International Journal of Emerging Technologies in Learning - e di conferenze internazionali - tra cui Computer Music Multidisciplinary Research (CMMR), International Computer Music Conference (ICMC) e Sound and Music Computing (SMC).
Fa parte del program committee dell'▸International Conference on Computer Supported Education (CSEDU), del technical program committee dell'▸International Conference on Mobile, Hybrid, and On-line Learning (eLmL), dell'editorial board del ▸Journal of Computer Sciences and Applications (JCSA), dell'editorial board di ▸DigitCult - Scientific journal on Digital Cultures.

Nel 2013 è chair della sessione Learning/Teaching Methodologies and Assessment, nel 2016 è chair della Parallel Session 1 e nel 2018 è chair della sessione Project Based Learning all'International Conference on Computer Supported Education (CSEDU).
Nel 2016 e nel 2017 è chair e nel 2017 e 2018 è keynote speaker all'International Conference on New Music Concepts (ICNMC).
Nel 2017 è organizer e session chair della special track On-line Resources and Web Technologies for Music Education (MUSEDU) all'International Conference on Mobile, Hybrid, and On-line Learning (eLmL). E' inoltre uno degli editor del volume dei proceedings.

2. Attività scientifica

2.1 Aree di ricerca

2.2. Collaborazioni scientifiche

Particolarmente interessato alla materia dell'Informatica musicale nelle sue varie sfaccettature, prende parte ai seguenti progetti.

2.3. Progetti IEEE

Nell'ambito delle attività dell'IEEE Computer Society Standard Association e in collaborazione con l'IEEE Technical Committee on Computer Generated Music, lavora sotto la guida del Prof. G. Haus e del Prof. D. Baggi alla definizione di un formato XML per la rappresentazione multi-livello dell'informazione musicale. Tale formato diventa standard internazionale nel Settembre 2008, con il nome IEEE 1599-2008. E' coordinatore italiano del gruppo di lavoro sul formato IEEE 1599-2008. Nel 2008 viene eletto membro e tesoriere dell'▸IEEE Computer Society Technical Committee on Computer Generated Music, rimanendo in carica fino alla sua chiusura nel 2011. Riceve un riconoscimento ufficiale IEEE (vedi la ▸targa e la ▸pagina del sito) per i contributi dati allo standard.

2.4. Progetti MIUR-FIRB

Dal 2004 è inquadrato nel gruppo di lavoro GL6 (UNIMI-LIM) del FIRB e coinvolto – in quanto membro del FIRB – nell'attività di ricerca nel campo della multimedialità distribuita.

3. Attività didattica

E' impegnato fin dal 1999 come docente di Informatica in numerosi corsi del Fondo Sociale Europeo (F.S.E.).

A partire dall'Anno Accademico 2003/04 riveste il ruolo di cultore della materia dell'insegnamento di Descrizione formale dell'informazione musicale (prof. O. D'Antona), corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale, Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali, Università degli Studi di Milano.

Nel 2004 è tutor del laboratorio professionalizzante Aula 700 dell'Università degli Studi di Milano.

Nel 2004 è co-docente con il Dott. D. Catania del corso di Linguaggi di programmazione per l'Informatica musicale erogato dal Conservatorio A. Buzzolla di Adria nell'ambito del Diploma accademico di II livello. Nel 2005 è co-docente con l'Arch. M. Fabris del corso di Composizione multimediale e Installazioni d'Arte erogato dallo stesso conservatorio, sempre nell'ambito del Diploma accademico di II livello.

Durante l'Anno Accademico 2005/2006, nell'ambito del corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale tiene 40 ore di lezione frontale sugli argomenti software di notazione musicale e codifica multilivello dell'informazione musicale – IEEE 1599.

Nell'Anno Accademico 2006/07 è professore aggregato affidatario degli insegnamenti di Programmazione per la Musica II e di Laboratorio di Informatica musicale, corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale, Università degli Studi di Milano.
Dall'Anno Accademico 2007/08 e 2008/09 è affidatario presso l'Università degli Studi di Milano dell'insegnamento di Informatica generale, corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale.

Nell'Anno Accademico 2007/2008 tiene inoltre 20 ore di laboratorio di Fondamenti di Informatica per le Scienze umanistiche, nell'ambito della Scuola di Dottorato "Humanae Litterae" dell'Università degli Studi di Milano.

Nell'Anno Accademico 2009/2010 ottiene l'affidamento dell'insegnamento di Informatica generale, corso di laurea in Scienze e tecnologie per lo studio e la conservazione dei beni culturali e dei supporti della informazione, e dell'insegnamento di Programmazione per la musica, corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale, sempre presso l'Università degli Studi di Milano.

Dall'Anno Accademico 2010/2011 gli vengono affidati gli insegnamenti di Programmazione MIDI, Programmazione timbrica e Laboratorio di informatica musicale, corso di laurea magistrale in Informatica per la comunicazione.

Tiene regolarmente lezioni e seminari nell'ambito dell'insegnamento di Informatica applicata alla Musica e di Laboratorio di Informatica musicale del Prof. G. Haus, corso di laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione Musicale.

Segue nelle vesti di relatore o di correlatore numerosi elaborati finali e tesi di area informatica, con particolare riferimento all'ambito della musica e della multimedialità. Un elenco dettagliato dei lavori seguiti è riportato ▸qui.

Attualmente riveste il ruolo di cultore della materia per gli insegnamenti di Basi di Dati (Prof. P. Perlasca), Database musicali (Prof. P. Perlasca), Gestione e protezione dei diritti d'autore (Prof. P. Perlasca), Informatica applicata alla Musica (Prof. G. Haus), Laboratorio di Informatica Musicale (Prof. G. Haus), Matematica per la musica (Prof. O. D'Antona) e Teche musicali (Prof. G. Haus).

L'interesse verso l'attività didattica è anche testimoniato da attività collaterali alla ricerca quali:

4. Pubblicazioni

E' autore di più di 80 lavori scientifici. L'elenco completo è riportato ▸qui.